Ecco come si fa a comprare casa senza mutuo

Di Marco Franco
abitazione

I cordoni del credito si stringono e le giovani coppie stentano ad accedere ai mutui per l'acquisto della prima casa: la crisi, purtroppo, non guarda in faccia a nessuno. Se prima, fino a poco più di 20 anni fa, infatti diventare proprietari di un immobile ad uso abitativo era facile per chi aveva anche una sola fonte di reddito in casa, oggi bussare alle porte di una banca senza dover tornare indietro “con la coda tra le gambe” è diventato difficile se non impossibile in mancanza di contratti e stipendi di un certo livello.

Ma c'è un modo per aggirare l'ostacolo evitando di mettere da parte una volta per tutte il progetto più importante per la propria famiglia? Ai sensi del codice civile, esiste una strada alternativa a quelle classiche che passano attraverso atti di vendita “prendere o lasciare” con pagamento non frazionato, prestiti delle banche, interessi alle stelle e clausole più o meno dolorose annesse. Si tratta di quello che gli esperti di legge conoscono come “patto di riservato dominio” e che più comunemente si può definire contratto di “vendita con riserva di proprietà” di cui parla l'articolo 1523 Cod.Civ. che ne delinea i tratti essenziali della disciplina.

Continua »